Confederazione C.G.U.-CISAL Nursind - Il Sindacato delle Professioni Infermieristiche Confederazione C.G.U.-CISAL
Nursind Segreteria Nazionale | via Belisario, 6 - 00187 Roma - Fax 0692913943 | cell. 392 7913806 | email: nazionale@nursind.it | nazionale@pec.nursind.it
Sede Amministrativa via F. Squartini, 3 - 56121 Ospedaletto - Pisa Tel. 050.3160049 | email: info@nursind.it Cod. Fis. 95098210248
Iscriviti al NurSind, la quota associativa più bassa del comparto Sanità
Documento senza titolo
logo nursind

Login

Nome utente:

Password:


Recupero password

Registrati!

Nursind News

Il Riformatore e l'Infermiere

Documento senza titolo
logo nursind

Centro Studi NurSind

Documento senza titolo
logo nursind

Utenti online

18 utente(i) online
(10 utente(i) in Argomenti)

Iscritti: 0
Ospiti: 18

altro...

Letteratura infermieristica

Un'appassionante lettura sulla condizione dell'Infermiere italiano, scritta da Moreno Demunari durante la clausura di un periodo di malattia. Il costo del libro è di 10 euro e va ordinato all'autore moreno.demunari@alice.it

MISURARE LA COMPLESSITA' ASSISTENZIALE
Maggioli Editore - Novità aprile 2009 - con Cd-Rom Pagine 142 - F.to cm. 17x24 - ISBN 5136.6 di Bruno Cavaliere. Strumenti operativi per le professioni sanitarie.

Tutti i giorni tantissimi infermieri incontrano la complessità assistenziale. Eppure spesso non riescono a renderla oggettiva. Non riescono cioè a far capire alla loro organizzazione quali sono le priorità delle loro azioni, quali i problemi, le difficoltà e i rischi nell'esercizio responsabile della loro professione. Il risultato è che oggi la complessità assistenziale non viene vista e compresa, e così, nel lavoro dell'infermiere, prevale ancora troppo spesso il pregiudizio e lo stereotipo.

a cura di Claudia Caula e Alberto Apostoli (in collaborazione con il Comitato scientifico AISLEC)

CURA E ASSISTENZA AL PAZIENTE CON FERITE ACUTE E ULCERE CRONICHE

Manuale per l’infermiere, Maggioli Editore,2010 pag. 432, f.to cm. 17x24, ISBN 5915-4 euro 42,00

Scritto da infermieri con esperienza e preparazione specifica in questo settore, il manuale coniuga le più recenti prove di efficacia - mettendone in luce gli elementi critici e i punti di forza - con l’esperienza degli autori.

Il disastro di Amatrice: tra le vittime anche nostre associate

Tutto il NurSind si stringe attorno ai famigliari delle vittime del terremoto, in particolare a quelle delle nostre colleghe e associate che lavoravano nell'ospedale, perite sotto le macerie di Amatrice.
Grazie al sentimento e alla solidarietà di tutti i nostri associati e dirigenti sindacali, siamo pronti ad assicurare loro ogni aiuto che si renderà necessario per il ritorno alla normalità

I dati ufficiali ARAN confermano il grande successo del sindacato infermieristico

Rappresentatività: con un grande balzo in avanti NurSind sale al 5° posto tra le sigle rappresentative

Dai dati ARAN emerge la vera novità nel panorama sindacale del Comparto Sanità

Leggi il comunicato della Direzione Nazionale

Guarda il grafico delle differenze col passato triennio

Ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo

La Confederazione CGS costituita dalle Federazioni FGU, FLP, NURSIND, UNAMS
si rivolge a Strasburgo per chiedere il rimborso per il mancato rinnovo dei contratti dal 2010 nel P.I.



Ricorso depositato martedì 29 giugno 2016 alle ore 10,01 a Strasburgo presso la CEDU
Ai ricorrenti giungerà via mail la ricevuta del versamento per l'adesione e l'informativa per monitorare le varie fasi del ricorso che potranno essere seguite anche attraverso il sito ufficiale www.ricorsocgs.it

Le 16 Mozioni d'ordine approvate al Congresso Nazionale NurSind - Lecce, 5-6-7 novembre 2015

1 - Difendere i principi del SSN pubblico (universalità e solidarietà) a garanzia dei diritti costituzionali. 2 - Sollecitare gli stati generali dell’infermieristica 3 - Difendere le dotazioni organiche e contrastare il fenomeno del demansionamento 4 - Sostenere la proposta di abrogazione o modifica dell’art. 49 del Codice Deontologico dell’infermiere

5 - Continuare la lotta contro il precariato.

6 - Chiedere l’istituzione nell’assistenza territoriale dell’Infermiere di Famiglia

7 - Chiedere il riconoscimento della professione infermieristica quale lavoro usurante affinché le sia riservato lo stesso trattamento pensionistico delle forze dell’ordine.

8 - Valutare un percorso per il riconoscimento della malattia professionale specifica per gli infermieri

9 - Chiedere un’adeguata valorizzazione economica. L’Italia è in debito verso i suoi infermieri!

10 - Aderire alle iniziative di lotta per il finanziamento e il rinnovo dei contratti nel Pubblico Impiego

11 - Chiedere pari dignità di trattamento tra tutte le professioni sanitarie e il superamento del concetto di esclusività

12 - Spendersi per ottenere la prescrizione infermieristica: una conquista che ci avvicina all’Europa

13 - Abrogare il nulla osta dell’Azienda cedente nella mobilità volontaria e richiesta dell’istituto del ricongiungimento familiare

14 - Sostenere la rappresentanza Nursind nella sanità privata

15 - Sviluppare la comunicazione istituzionale: un coinvolgimento diretto degli infermieri per una comunicazione partecipata

16 - Diventare ancora di più per rendere più forti le nostre idee. Crescita, organizzazione, servizi.

Convenzione agli iscritti Nursind per i Master Universitari 2015-2016

OFFERTA FORMATIVA 2015-2016 ISCRIZIONI APERTE, CLICCA QUI.
Se hai dubbi sulla validità dei corsi online, verifica tu stesso sul sito del Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca, quali Università sono abilitate. Oppure leggi il comunicato del ministero sulla validità dei master OnLine
Per gli interessati al Master di Coordinamento di cui alla Legge 1 febbraio 2006, n.43, si ricorda che i requisiti necessari per espletare detta funzione sono dettagliati all'ART. 6. (Istituzione della funzione di coordinamento) 4. L’esercizio della funzione di coordinamento è espletato da coloro che siano in possesso dei seguenti requisiti: a) master di primo livello in management o per le funzioni di coordinamento

Assicurazione professionale RC Willis-Nursind

Scopri i vantaggi della Convenzione riservata ad Infermieri, Ostetriche e Coordinatori iscritti Nursind

La diffusione del NurSind in Italia

Dal 1998 ad oggi sempre più infermieri conoscono ed aderiscono al NurSind, contribuendo a farlo crescere e diffondere in tutto il Paese. Ancora alcune province mancano all'appello, quelle in giallo sulla cartina. Siamo certi che il "richiamo della categoria" giungerà presto a colleghe e colleghi che lavorano in queste province e che si aggregheranno alla già numerosa famiglia del NurSind, contribuendo così, con il loro orgoglio, impegno e responsabilità professionale, a completare l'affermazione del sindacato di categoria in Italia, avvicinandolo ai grandi sindacati infermieristici europei. Se lavori in un'azienda dove NurSind non è ancora presente, contattaci TriesteGorizia Udine Pordenone Treviso Venezia Padova Vicenza Belluno Trento Rovigo Verona Mantova Bolzano Sondrio Brescia Bergamo Cremona Lodi Piacenza Pavia Alessandria Asti Lecco Como Monza_Brianza Milano Varese Novara Vercelli Biella Verbano_Cusio_Ossola Aosta Torino Cuneo Imperia Savona Genova La Spezia Parma Reggio Emilia Modena Ferrara Bologna Ravenna Massa_Carrara Lucca Pistoia Prato Firenze Forlì_Cesena Rimini Pesaro_Urbino Arezzo Siena Pisa Livorno Ancona Macerata Perugia Fermo Ascoli Piceno Teramo Grosseto Terni Viterbo Rieti Pescara L'Aquila Chieti Isernia Roma Frosinone Latina Campobasso Caserta Benevento Avellino Napoli Salerno Foggia Barletta_Andria_trani Bari Taranto Brindisi Lecce Matera Potenza Cosenza Crotone Catanzaro Vibo Valentia Reggio Calabria Siracusa Ragusa Catania Messina Enna Caltanissetta Agrigento Palermo Trapani Ogliastra Cagliari Carbonia-Iglesias Medio Campidano Nuoro Olbia Oristano Sassari

Nursind il vero vincitore delle elezioni RSU 2015

 

 

Il comunicato stampa della Direzione Nazionale

Nursind dichiara lo stato di agitazione: contratto, demansionamento, organici e lavoro usurante al centro della mobilitazione


Con lettera datata 27/07/2015 NurSind comunica agli Enti competenti lo stato di agitazione del personale del Comparto Sanità e chiede l’incontro di conciliazione e raffreddamento.
Alcune delle motivazioni che, in caso di mancato accordo, porteranno alla dichiarazione di una o più giornate di sciopero sono le seguenti:
1. La mancata attivazione della contrattazione nazionale per il comparto sanità e l’emanazione dell’atto di indirizzo. A seguito della sentenza della Corte Costituzionale che ha dichiarato illegittimo il blocco contrattuale che ha impedito al Nursind, sindacato rappresentativo degli infermieri, di dare voce alla propria rappresentanza non ci è ancora giunta alcuna convocazione;
2. il mancato rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per il comparto sanità per il 2015. Si parla di un suo slittamento alla prossima tornata contrattuale (2016-2018);
3. la previsione nel DDL Enti locali di taglio delle risorse per la contrattazione integrativa;
4. la conseguente impossibilità (mancanza di contrattazione e di risorse a livello nazionale e decentrato) di dare seguito alle modifiche organizzative e alla valorizzazione contrattuale delle competenze cliniche e gestionali della categoria;
5. la previsione di ulteriori tagli alla sanità pubblica da inserire nella prossima legge di stabilità che ne metterebbero in pericolo il carattere universalistico e solidaristico;
6. il continuo taglio delle dotazioni organiche con la conseguente diminuzione dei tempi assistenziali;
7. il perdurare delle situazioni di demansionamento della categoria derivante dal blocco del turn over e dalle mancate sostituzioni del personale a vario titolo assente;
8. il mancato riconoscimento del lavoro usurante della professione infermieristica.

La richiesta del tentativo di conciliazione inviata ai Ministeri competenti

Finalmente anche i grossi media scoprono la disoccupazione infermieristica

Il servizio del TG2 sul 12 maggio cita i risultati dello studio Nursind sulla disoccupazione infermieristica ed al contempo l'assurda e grave carenza di infermieri nelle corsie

Dal 2011 è "Disoccupazione Infermieristica"!!!

Mancano 60.000 infermieri nel Ssn ma 25.000 sono disoccupati

53% dei neolaureati non lavora.

Gli ospedali ne hanno sempre più bisogno ma il Servizio Sanitario Nazionale non può permetterseli. Nonostante in Italia manchino, secondo dati Ocse, oltre 60.000 infermieri, ben 25.000 non riescono a trovare lavoro, tanto che ben il 53% dei giovani laureati dal 2011 a oggi, è disoccupato. A dirlo sono i risultati preliminari di un'indagine del Centro Studi del sindacato di settore Nursind, resi noti in occasione della festa internazionale dell'infermiere che si celebra domani. Il divario tra il nord e il resto del Paese lascia pensare a una qualità di assistenza diversa e la situazione, confermano i dati, peggiora nel tempo.

Dal 2003 al 2007 hanno trovato lavoro entro l'anno il 90% dei laureati. Percentuale che scende fino a raggiungere il 65% nel 2012. Quello della disoccupazione giovanile infermieristica "è un paradosso - spiega Donato Carrara della direzione nazionale Nursind - perché effettivamente mancano nel sistema queste unità e chi è attivo dentro i servizi è sottoposto a carichi di lavori pesanti per compensare tagli e carenze". Il lavoro che si trova, inoltre, dal 2011 è sempre più spesso precario, part time o a tempo determinato. Mentre ad assumere, se prima era il pubblico impiego, dal 2010 in poi, con il blocco del turn over, sono andate crescendo le assunzioni da parte di cooperative e società di somministrazione del lavoro. D'altronde il pubblico impiego è un eldorado, tanto che ben il 68% degli intervistati ha partecipato a più di un concorso. Non c'è da stupirsi che dopo la fuga dei ricercatori, in Italia si assista alla fuga degli infermieri. "Mentre fino a qualche anno fa l'Italia era costretta a importare infermieri da altri paesi per far fronte alla carenza nelle strutture sanitarie, oggi - per Andrea Bottega Segretario Nazionale Nursind - sono gli infermieri italiani ad emigrare per trovare lavoro".

I camici bianchi andalusi ballano YMCA in piazza contro le misure di austerity del governo

Camici bianchi di tutti i gradi e livelli, dai chirurghi agli infermieri al personale amministrativo, per un giorno sono stati tutti uguali. A Granada, in Andalusia, centinaia di lavoratori del settore sanitario sono scesi in piazza per protestare contro le politiche di austerity decise dal governo conservatore di Mariano Rajoy. Un flashmob coinvolgente quello andato in scena per le strade della città andalusa ieri. I camici bianchi hanno ballato all'unisono YMCA, la celebre canzone dei Village People. "Siamo stanchi. Non chiediamo un aumento dello stipendio ma chiediamo che non vengano più fatti i tagli, perchè qui non ce la facciamo più a lavorare". Ballare per le strade "non ha un colore politico", hanno dichiarato i leader della manifestazione. Ma tra un passo di danza e l'altra gli ospedalieri andalusi non hanno mancato di cantare il loro sdegno, dicendo: "Niente più tagli, né qui né altrove, è a Wall Street che c'è il capitale e quello sì che è un furto legalizzato". Insomma, infermieri e medici sì, ma anche molto indignados.

Nursind, contro il demansionamento, incassa un’importante sentenza a favore di tutti gli infermieri!

Con sentenza n. 2771/2012 del 16/02/2012 il Tribunale Civile di Roma sezione Lavoro ha accolto il ricorso di un infermiere della segreteria di Nursind Roma contro una circolare dell’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini che imponeva la chiusura dei ROT (RIFIUTI OSPEDALIERI TRATTATI) agli infermieri ove non vi sia personale OTA in servizio.Leggi la notizia

Spagna - TUTTI per Una

E' il 16 di Luglio 2009. Muore una bambina ricoverata presso l'Ospedale Gregorio Marañón di Madrid. Il Dir. Gen. rilascia una dichiarazione improvvisata alla stampa, dichiarando che la colpa del decesso era da imputare ad una grave negligenza compiuta da un'infermiera.
Subito il Sindacato Infermieristico (SATSE) reagisce denunciando il Dir. Gen. per l'avventata dichiarazione che lede il diritto universale alla legittima presunzione di innocenza, oltre che denigrare l'intera categoria. Ma il sindacato non si accontenta dell'azione giudiziaria e proclama una mobilitazione in tutti gli ospedali della Spagna per il 23 luglio. Continua...

Nursind :: Gestione Editoriale

Calcolo rapporto infermieri/pazienti


Nota dell'editore: Quanti degenti per infermiere
Il Sole 24 Ore Sanita' del 26/02/2008 N. 8 26 FEB 3 MAR 2008 p. 29
L'obiettivo: ridurre gli eventi avversi causati da scarsità di personale
Abbandonato il concetto di pianta organica predefinita, la legislazione fissa l'obbligo di definire il fabbisogno di personale attraverso la rilevazione del carico di lavoro. Nella realtà quello che tuttora prevale è la necessità di contenere i costi, e per questo, invece che la rilevazione dei carichi di lavoro, sono utilizzati indicatori ricavati da percorsi di negoziazione basati sulle vecchie norme.


API: RSS | RDF | ATOM

www.infermieristicamente.it

Convenzioni agli Iscritti

Corsi e Convegni ECM

Normativa contrattuale

Sanità Privata

Per contratti AIOP, ARIS, UNEBA, cell. 3331152288 sanita_privata@nursind.it

Presentazione del NurSind

Concorsi pubblici per Infermieri

Infermieri nel Mondo

Leggi tutto...  0 News  0 letture 
  Inviato da Donato BG il 5/8/2015 - 9.00/10 (5 voti), 1513 letture

  Inviato da Donato BG il 31/1/2015 - 0.00/10 (0 voti), 1698 letture

  Inviato da Donato BG il 2/10/2014 - 10.00/10 (1 voto), 3613 letture

  Inviato da Donato BG il 16/9/2014 - 8.00/10 (2 voti), 5594 letture

  Inviato da Donato BG il 22/8/2014 - 8.00/10 (2 voti), 5727 letture

Argomenti di Rivendicazioni Infermieristiche

NurSind ha racchiuso in queste 10 Note gli argomenti di rivendicazioni infermieristiche che più assillano la professione, indicando per ognuno diverse soluzioni, sia a carattere aziendale che nazionale. A tutti gli infermieri il compito di dargli ECO e GAMBE per marciare

Federazione dei Sindacati Infermieristici Europei

Nursind è promotore della costituenda Federazione dei Sindacati Infermieristici Europei insieme al SATSE, il sindacato degli infermieri spagnoli, il SDZNS, il sindacato degli infermieri sloveni e il HSSMS, il sindacato degli infermieri della Repubblica Serbia di Bosnia.
Ben presto si uniranno altre sigle del sindacato infermieristico europeo. L'obiettivo è quello di dare la giusta rappresentanza ed il giusto peso alla categoria che sorregge i Servizi Sanitari pubblici nei rispettivi paesi.

Buon compleanno Nursind

12 maggio 1998 - 12 maggio 2008

NurSind compie 10 anni di vita e di battaglie

Per necessità

Per coerenza

Per passione

Il video dei 10 anni di storia del Nursind (3 Mb)

(formato mpeg 760 Mb)