Confederazione G.G.S. Nursind - Il Sindacato delle Professioni Infermieristiche Confederazione C.G.S.
Nursind Segreteria Nazionale | via Belisario, 6 - 00187 Roma - Fax 0692913943 | cell. 392 7913806 | email: nazionale@nursind.it | nazionale@pec.nursind.it
Sede Amministrativa via F. Squartini, 3 - 56121 Ospedaletto - Pisa Tel. 050.3160049 | email: info@nursind.it Cod. Fis. 95098210248
Iscriviti al NurSind, la quota associativa più bassa del comparto Sanità
logo nursind

Login

Nome utente:

Password:


Recupero password

Registrati!

Nursind News

Centro Studi NurSind

Documento senza titolo
logo nursind

Le pubblicazioni NurSind

Documento senza titolo

logo nursind

Utenti online

15 utente(i) online
(7 utente(i) in Argomenti)

Iscritti: 1
Ospiti: 14

Marta.ferrante, altro...
Argomenti :: Comunicati NurSind

Al via il Settimo Congresso Nazionale NurSind. Emozione ed applausi. Andrea Bottega ripercorre i venti anni del Sindacato


Si apre il settimo Congresso Nazionale NurSind, tra gli applausi e l’emozione di una ricorrenza importante: i Venti anni del Sindacato.
Dopo il benvenuto nella Città di Torino di Giuseppe Summa, Segretario territoriale della città ed il video del ventennio, apre la convention il Segretario Nazionale Andrea Bottega.

“Ci siamo lasciati tre anni fa dopo una dura battaglia per la trasparenza e chiarezza sui ruoli istituzionali che ha portato al cambio di guida nell’IPASVI ora FNOPI. Abbiamo subito dopo, nel giugno 2016, avuto modo di vedere i primi risultati dello studio Rn4Cast Italia da noi per gran parte finanziato. Uno studio che ha dato un supporto scientifico alle nostre rivendicazioni dimostrando ciò che tutti noi sapevamo essere vero: la carenza infermieristica o il sovraccarico di lavoro o il demansionamento che ci distrae dall’adempimento del mandato professionale determina maggiori complicanze, aumento della mortalità e inadempimento dello specifico professionale. Si è dimostrato che il rapporto infermieri/pazienti è in Italia al di sotto della media europea e dei paesi più sviluppati”.

Immagine Ridimensionata
Dal ricorso Cedu, alle competenze avanzate, alla Legge Madia, per passare ancora dalla Legge Lorenzin, Andrea Bottega, ripercorre il cammino fatto dal Congresso di Lecce 2015 ad oggi.

“Certamente, passando al 2018, una riflessione sul contratto del 21 maggio merita di essere fatta perché dopo tanta attesa, pochi o nessuno pensava all’esito a cui abbiamo assistito. Tutti pensavamo che finalmente fosse giunto il momento di sottoscrivere il contratto nazionale e poter competere nella rappresentanza alla pari degli altri sindacati.

Tuttavia le cose non sono andate come tutti speravamo. Dopo il blocco contrattuale durato quasi dieci anni ci siamo ritrovati ad ingoiare un contratto pensato e redatto altrove nella struttura, e chiuso ad un piano superiore rispetto al piano in cui si svolgeva la trattativa ufficiale. Un contratto preconfezionato. Un pessimo contratto a detta di tutti, tranne che dai firmatari; un contratto firmato in spregio alla nostra categoria che in quelle ore stava esercitando il diritto costituzionale di sciopero in dissenso verso una bozza di CCNL penalizzate la parte centrale del comparto sanità e di essa chi sopporta le situazioni più gravose: il personale turnista. Un contratto sottoscritto per esigenze politiche. Politica verso cui Nursind ha scelto di non piegarsi perché la dignità della professione non si svende per favori politici.

Assieme abbiamo condiviso la non firma del contratto del 21 maggio 2018 dopo la non sottoscrizione della pre-intesa del 23 febbraio. La maggioranza assoluta del Consiglio Nazionale ha condiviso la scelta della direzione nazionale. E oggi, che nelle aziende si iniziano a vedere i disastri dell’applicazione di queste disposizioni, siamo ancora più convinti della scelta fatta. Almeno io lo sono e spero anche voi lo siate”, continua Bottega, “per essere chiaro ritengo dirvi che non firmerò il contratto 2016/2018, e se quest’assemblea o il consiglio nazionale o il nuovo direttivo nazionale deciderà diversamente io, se ricoprirò ancora il ruolo di segretario nazionale, mi dimetterò prima.

Dignità e rispetto per la categoria e per l’organizzazione sindacale Nursind non mi consentono di parlare con lingua di serpente. La parola non è doppia è unica. Più volte ho detto che la dignità degli infermieri che rappresentiamo non è negoziabile e ritengo che questa affermazione non possa essere ritirata o pensata diversamente perché se lo fosse perderemo di credibilità agli occhi degli infermieri, degli altri sindacati e delle istituzioni nazionali e locali”.

Nursind ha una parola sola e alla parola data si mantiene fedele perché essere opportunisti non è dignitoso per la categoria che rappresentiamo.

Se per primi non saremo noi a dare l’esempio come potremmo chiedere agli infermieri italiani di credere nelle nostre idee e nei nostri valori. Il sindacato che amiamo è il sindacato che lotta per il giusto, non per il possibile. È lo slogan di questo congresso.



“Sono partito all’inizio di questa relazione da dove eravamo rimasti all’ultimo congresso di Lecce a ottobre 2015 ma oggi forse sarebbe stato più corretto partire dal 12 maggio 1998 data di costituzione di Nursind. Con questo congresso festeggiamo, infatti, i vent’anni di Nursind: un sindacato giovane ma con una visione chiara del lavoro e della professione. Un sindacato autonomo che per primo da solo è diventato rappresentativo e oggi è il più grande sindacato infermieristico italiano. Un sindacato plurale che ha saputo rinnovarsi andando oltre il paternalismo del fondatore. un sindacato vivo che ha saputo espandersi su tutto il territorio nazionale. Un sindacato che sta diventando uno strumento potente per dare voce ai lavoratori infermieri. Per questi motivi abbiamo buon motivo di festeggiare ed essere orgogliosi”

La relazione si conclude con i Ringraziamenti emozionanti ed emozionati di Andrea Bottega:

Un applauso lungo ed intenso per Donato Carrara, membro storico del Direttivo Nazionale.

“non posso lasciare questo palco senza dire il mio grazie e dare il giusto riconoscimento ad una persona che ha fatto tanto per il Nursind, dalle sue origini e in questi vent’anni. È stato per tutti noi un punto di riferimento e uno stimolo ad andare avanti. Sempre innovativo nelle idee e nelle iniziative, infermiere e sindacalista fino al midollo in tutte le sue attività. Ha dato l’anima per Nursind e ci ha sempre messo il cuore. Grazie alla sua scelta e al suo metterci la faccia nel 2007 si verificata una svolta fondamentale per la nostra organizzazione. Oggi se siamo arrivati a questo punto grande merito è suo. Da parte di tutto il Nursind un grazie di cuore e un grande in bocca al lupo Donato”.
API: Email PDF Bookmark Print | RSS | RDF | ATOM
Copyright© Donato BG & Nursind

www.infermieristicamente.it

Corsi e Convegni ECM

Normativa contrattuale

Sanità Privata

Per contratti AIOP, ARIS, UNEBA, cell. 3331152288 sanita_privata@nursind.it

Infermieri nel Mondo

Leggi tutto...  0 News  0 letture 
  Inviato da Donato BG il 23/1/2017 - 9.00/10 (14 voti), 4940 letture

  Inviato da Donato BG il 5/8/2015 - 9.00/10 (12 voti), 3699 letture

  Inviato da Donato BG il 31/1/2015 - 0.00/10 (0 voti), 3350 letture

  Inviato da Donato BG il 2/10/2014 - 9.00/10 (4 voti), 6428 letture

  Inviato da Donato BG il 16/9/2014 - 8.00/10 (2 voti), 9895 letture

Argomenti di Rivendicazioni Infermieristiche

NurSind ha racchiuso in queste 10 Note gli argomenti di rivendicazioni infermieristiche che più assillano la professione, indicando per ognuno diverse soluzioni, sia a carattere aziendale che nazionale. A tutti gli infermieri il compito di dargli ECO e GAMBE per marciare

Buon compleanno Nursind

12 maggio 1998 - 12 maggio 2008

NurSind compie 10 anni di vita e di battaglie

Per necessità

Per coerenza

Per passione

Il video dei 10 anni di storia del Nursind (3 Mb)

(formato mpeg 760 Mb)