Confederazione G.G.S. Nursind - Il Sindacato delle Professioni Infermieristiche Confederazione C.G.S.
Nursind Segreteria Nazionale | via Belisario, 6 - 00187 Roma - Fax 0692913943 | cell. 392 7913806 | email: nazionale@nursind.it | nazionale@pec.nursind.it
Sede Amministrativa via F. Squartini, 3 - 56121 Ospedaletto - Pisa Tel. 050.3160049 | email: info@nursind.it Cod. Fis. 95098210248
Iscriviti al NurSind, la quota associativa più bassa del comparto Sanità
logo nursind

Login

Nome utente:

Password:


Recupero password

Registrati!

Nursind News

Centro Studi NurSind

Documento senza titolo
logo nursind

Le pubblicazioni NurSind

Documento senza titolo

logo nursind

Utenti online

29 utente(i) online
(3 utente(i) in Nursind)

Iscritti: 0
Ospiti: 29

altro...
Diritto allo Studio

Diritto allo Studio



La normativa contrattuale riguardante il Diritto allo Studio si ispira all'articolo 10 dello STATUTO DEI LAVORATORI, la legge 20 maggio 1970, n. 300 di cui riportiamo il testo intyegrale:

Art. 10
(Lavoratori studenti)

I lavoratori studenti, iscritti e frequentanti corsi regolari di studio in scuole di istruzione primaria, secondaria e di qualificazione professionale, statali, pareggiate o legalmente riconosciute o comunque abilitate al rilascio di titoli di studio legali, hanno diritto a turni di lavoro che agevolino la frequenza ai corsi e la preparazione agli esami e non sono obbligati a prestazioni di lavoro straordinario durante i riposi settimanali. I lavoratori studenti, compresi quelli universitari, che devono sostenere prove di esame, hanno diritto a fruire di permessi giornalieri retribuiti. Il datore di lavoro potrà richiedere la produzione delle certificazioni necessarie all'esercizio dei diritti di cui al primo e secondo comma.

E' intervenuto sulla materia anche l'ART. 5 - Congedi per la formazione - Legge 53/2000 che così recita:

1. Ferme restando le vigenti disposizioni relative al diritto allo studio di cui all'articolo 10 della legge 20 maggio 1970, n. 300, i dipendenti di datori di lavoro pubblici o privati, che abbiano almeno cinque anni di anzianità di servizio presso la stessa azienda o amministrazione, possono richiedere una sospensione del rapporto di lavoro per congedi per la formazione per un periodo non superiore ad undici mesi, continuativo o frazionato, nell'arco dell'intera vita lavorativa.
2. Per “congedo per la formazione” si intende quello finalizzato al completamento della scuola dell'obbligo, al conseguimento del titolo di studio di secondo grado, del diploma universitario o di laurea, alla partecipazione ad attività formative diverse da quelle poste in essere o finanziate dal datore di lavoro.
3. Durante il periodo di congedo per la formazione il dipendente conserva il posto di lavoro e non ha diritto alla retribuzione. Tale periodo non è computabile nell'anzianità di servizio e non è cumulabile con le ferie, con la malattia e con altri congedi. Una grave e documentata infermità, individuata sulla base dei criteri stabiliti dal medesimo decreto di cui all'articolo 4, comma 4, intervenuta durante il periodo di congedo, di cui sia data comunicazione scritta al datore di lavoro, dà luogo ad interruzione del congedo medesimo.
4. Il datore di lavoro può non accogliere la richiesta di congedo per la formazione ovvero può differirne l'accoglimento nel caso di comprovate esigenze organizzative. I contratti collettivi prevedono le modalità di fruizione del congedo stesso, individuano le percentuali massime dei lavoratori che possono avvalersene, disciplinano le ipotesi di differimento o di diniego all'esercizio di tale facoltà e fissano i termini del preavviso, che comunque non può essere inferiore a trenta giorni.
5. Il lavoratore può procedere al riscatto del periodo di cui al presente articolo, ovvero al versamento dei relativi contributi, calcolati secondo i criteri della prosecuzione volontaria.

e l'Art. 6.
(Congedi per la formazione continua).

1. I lavoratori, occupati e non occupati, hanno diritto di proseguire i percorsi di formazione per tutto l'arco della vita, per accrescere conoscenze e competenze professionali. Lo Stato, le regioni e gli enti locali assicurano un'offerta formativa articolata sul territorio e, ove necessario, integrata, accreditata secondo le disposizioni dell'articolo 17 della legge 24 giugno 1997, n. 196, e successive modificazioni, e del relativo regolamento di attuazione. L'offerta formativa deve consentire percorsi personalizzati, certificati e riconosciuti come crediti formativi in ambito nazionale ed europeo. La formazione può corrispondere ad autonoma scelta del lavoratore ovvero essere predisposta dall'azienda, attraverso i piani formativi aziendali o territoriali concordati tra le parti sociali in coerenza con quanto previsto dal citato articolo 17 della legge n. 196 del 1997, e successive modificazioni.

2. La contrattazione collettiva di categoria, nazionale e decentrata, definisce il monte ore da destinare ai congedi di cui al presente articolo, i criteri per l'individuazione dei lavoratori e le modalità di orario e retribuzione connesse alla partecipazione ai percorsi di formazione.

3. Gli interventi formativi che rientrano nei piani aziendali o territoriali di cui al comma 1 possono essere finanziati attraverso il fondo interprofessionale per la formazione continua, di cui al regolamento di attuazione del citato articolo 17 della legge n. 196 del 1997.

4. Le regioni possono finanziare progetti di formazione dei lavoratori che, sulla base di accordi contrattuali, prevedano quote di riduzione dell'orario di lavoro, nonché progetti di formazione presentati direttamente dai lavoratori. Per le finalità del presente comma è riservata una quota, pari a lire 30 miliardi annue, del Fondo per l'occupazione di cui all'articolo 1, comma 7, del decreto-legge 20 maggio 1993, n. 148, convertito, con modificazioni, dalla legge 19 luglio 1993, n. 236. Il Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, provvede annualmente, con proprio decreto, a ripartire fra le regioni la predetta quota, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano.

 Sanità PubblicaSanità Privata
In cosa consiste? Ai dipendenti con rapporto di lavoro a tempo indeterminato sono concessi - anche in aggiunta alle attività formative programmate dall'azienda - appositi permessi retribuiti, nella misura massima di 150 ore individuali per ciascun anno e nel limite massimo del 3% del personale in servizio a tempo indeterminato presso ciascuna azienda all'inizio di ogni anno, con arrotondamento all'unità superiore.Il limite massimo di tempo per il diritto allo studio è di 150 ore annue individuali. Fermo restando il limite individuale di cui sopra, sono utilizzate annualmente in ragione del 3% del personale in servizio e, comunque, di almeno una unità.
Da quale articolo è regolato? Dall'articolo 22 del CCNL integrativo del 7 Aprile 1999 Dall'articolo 36 del CCNL del 23 novembre 2004
Per quale tipologia di studio? per la partecipazione a corsi destinati al conseguimento di titoli di studio universitari, post-universitari, di scuola di istruzione primaria, secondaria e di qualificazione professionale, statali, pareggiate o legalmente riconosciute, o comunque abilitate al rilascio di titoli di studio legali o attestati professionali riconosciuti dall'ordinamento pubblico nonché per sostenere i relativi esami.Tali ore sono retribuite esclusivamente per il conseguimento del titolo della scuola dell’obbligo; le medesime non sono retribuite per la frequenza necessaria al conseguimento di titoli di studio o di abilitazione in corsi universitari, in scuole statali o istituti legalmente riconosciuti.
Vi sono eccezioni? Nell'ambito della contrattazione integrativa potranno essere previste ulteriori tipologie di corsi di durata almeno annuale per il conseguimento di particolari attestati o corsi di perfezionamento anche organizzati dall'Unione Europea anche finalizzati alla acquisizione di specifica professionalità ovvero, infine, corsi di formazione in materia di integrazione dei soggetti svantaggiati sul piano lavorativo, nel rispetto delle priorità di cui al comma 4. 
Chi ne ha diritto? Tutti i dipendenti a tempo indeterminato che abbiano superato il periodo dei 6 mesi di prova  
Quali altri diritti sono associati? Il personale interessato ai corsi ha diritto all'assegnazione a turni di lavoro che agevolino la frequenza ai corsi stessi e la preparazione agli esami e non può essere obbligato a prestazioni di lavoro straordinario né al lavoro nei giorni festivi o di riposo settimanale. 
Se le domande per l'anno in corso superano il 3% del personale?

Sono definite le seguenti priorità:

a) dipendenti che frequentino l'ultimo anno del corso di studi e, se studenti universitari o post-universitari, abbiano superato gli esami previsti dai programmi relativi agli anni precedenti;


b) dipendenti che frequentino per la prima volta gli anni di corso precedenti l'ultimo e successivamente quelli che, nell'ordine, frequentino, sempre per la prima volta, gli anni ancora precedenti escluso il primo, ferma restando, per gli studenti universitari e post-universitari, la condizione di cui alla lettera a);


c) dipendenti ammessi a frequentare le attività didattiche, che non si trovino nelle condizioni di cui alle lettere a) e b).

Nell'ambito di ciascuna delle tipologie sopra individuate, la precedenza è accordata, nell'ordine, ai dipendenti che frequentino corsi di studio della scuola media inferiore, della scuola media superiore, universitari o post-universitari, sulla base di un'adeguata ripartizione tra i dipendenti dei vari ruoli.

Qualora a seguito dell'applicazione dei criteri indicati sopra sussistano ancora parità di condizioni, sono ammessi al beneficio i dipendenti che non abbiano mai usufruito dei permessi relativi al diritto allo studio per lo stesso corso e, in caso di ulteriore parità, secondo l'ordine decrescente di età. Ulteriori condizioni che diano titolo a precedenza sono definite nell'ambito delle procedure di cui all'art. 4, comma 2, punto V del CCNL 7 aprile 1999.

 
Come posso accertarmi che tali criteri siano stati rispettati? L'applicazione dei predetti criteri e la relativa graduatoria formano oggetto di informazione successiva ai soggetti sindacali presenti in azienda. Il dipendente escluso può chiedere all'amministrazione di prendere visione della graduatoria. Idem
Come e quando va presentata la domanda per le 150 ore? La domanda si presenta su carta semplice o, se esistente, sul modulo apposito utilizzato dall'azienda. Va presentata prima dell'inizio dei corsi, includendo il certificato di iscrizione. Al termine degli studi occorre presentare in azienda l'attestato di partecipazione agli stessi o altra idonea documentazione preventivamente concordata con l'azienda, l'attestato degli esami sostenuti, anche se con esito negativo. In mancanza delle predette certificazioni, i permessi già utilizzati vengono considerati come aspettativa per motivi personali o, a domanda, come ferie o riposi compensativi per straordinario già effettuato. 
Come fare se il corso prevede anche un tirocinio? Nel caso in cui il conseguimento del titolo preveda l'esercizio di un tirocinio, l'amministrazione potrà valutare con il dipendente, nel rispetto delle incompatibilità e delle esigenze di servizio, modalità di articolazione della prestazione lavorativa che facilitino il conseguimento del titolo stesso. 
Per i soli giorni di esame posso utilizzare altri istituti contrattuali? Per sostenere gli esami relativi ai corsi il dipendente in alternativa ai permessi previsti nel presente articolo può utilizzare, per il solo giorno della prova, anche i permessi per esami previsti dall'art. 21, comma 1, primo alinea del CCNL del 1 settembre 1995 (8 giorni l'anno).per sostenere esami attinenti ai corsi di studio in scuole di istruzione primaria, secondaria e di qualificazione professionale, statali, parificate o legalmente riconosciute o comunque abilitate al rilascio di titoli di studio legali, compresi i corsi universitari limitatamente ai giorni necessari per sostenere le prove stesse (art. 31 Permessi Retribuiti, comma B).
Per il Part Time valgono gli stessi diritti? Si, in quanto compatibili con le disposizioni di legge e contrattuali dettate per il rapporto di lavoro a tempo pieno ivi compreso il diritto allo studio (art. 35 del CCNL Integrativo del 7 aprile 1999).  

Congedi per la Formazione

 Sanità Pubblica e Privata
Da quale normativa sono disciplinati? Dagli articoli 5 e 6 della legge n.53/2000
Chi ne ha dititto? I lavoratori, con anzianità di servizio di almeno cinque anni presso la stessa azienda o ente del comparto, possono essere concessi a richiesta congedi per la formazione nella misura percentuale complessiva del 10% del personale delle diverse aree in servizio con rapporto di lavoro a tempo indeterminato; il numero complessivo dei congedi viene verificato annualmente sulla base della consistenza del personale al 31 dicembre di ciascun anno. La contrattazione integrativa definisce i criteri per la distribuzione e utilizzazione della percentuale.
Sono retribuiti? No
Cosa fare è quando? I lavoratori interessati ed in possesso della prescritta anzianità, devono presentare all'azienda o ente una specifica domanda,
contenente l'indicazione dell'attività formativa che intendono svolgere, della data di inizio e della durata prevista della stessa. Tale domanda deve essere presentata almeno 30 giorni prima dell'inizio delle attività formative.
Se il numero delle domande è in eccedenza? Il Contratto Integrativo Aziendale è deputato ad individuare e definire i criteri di selezione del personale richiedente.
L'Azienda può rifiutarmi il congedo? Si ma solo momentaneamente. Infatti, se la concessione del congedo può determinare un grave pregiudizio alla funzionalità del servizio, al fine di contemperare le esigenze organizzative aziendali con l'interesse formativo del lavoratore, qualora non risolvibile durante la fase di preavviso dei 30 giorni, l'azienda può differire motivatamente - comunicandolo per iscritto - la fruizione del congedo stesso fino ad un massimo di sei mesi. Su richiesta del dipendente tale periodo può essere più ampio per consentire la utile partecipazione al corso.
Se mi ammalo durante il congedo? Il lavoratore che abbia dovuto interrompere il congedo formativo per grave infermità o per esigenze aziendali, può rinnovare la domanda per un successivo ciclo formativo con diritto di priorità.

Corsi e Convegni ECM

Normativa contrattuale

Sanità Privata

Per contratti AIOP, ARIS, UNEBA, cell. 3331152288 sanita_privata@nursind.it

Presentazione del NurSind

Infermieri nel Mondo

Leggi tutto...  0 News  0 letture 
  Inviato da Donato BG il 23/1/2017 - 9.00/10 (11 voti), 2605 letture

  Inviato da Donato BG il 5/8/2015 - 9.00/10 (11 voti), 2903 letture

  Inviato da Donato BG il 31/1/2015 - 0.00/10 (0 voti), 2733 letture

  Inviato da Donato BG il 2/10/2014 - 9.00/10 (3 voti), 5432 letture

  Inviato da Donato BG il 16/9/2014 - 8.00/10 (2 voti), 8329 letture

Argomenti di Rivendicazioni Infermieristiche

NurSind ha racchiuso in queste 10 Note gli argomenti di rivendicazioni infermieristiche che più assillano la professione, indicando per ognuno diverse soluzioni, sia a carattere aziendale che nazionale. A tutti gli infermieri il compito di dargli ECO e GAMBE per marciare

Buon compleanno Nursind

12 maggio 1998 - 12 maggio 2008

NurSind compie 10 anni di vita e di battaglie

Per necessità

Per coerenza

Per passione

Il video dei 10 anni di storia del Nursind (3 Mb)

(formato mpeg 760 Mb)